Ciak! Medicina

martedì 20 maggio 2014

Indagine Camera,

 inaccettabili differenze su erogazione Lea


Roma, 19 mag. (Adnkronos Salute) - In alcune Regioni, soprattutto quelle sottoposte ai piani di rientro, si registrano "inaccettabili differenze nell'erogazione dei livelli essenziali di assistenza, che mettono a rischio l'universalità del sistema". E' quanto si legge nelle conclusioni della bozza del documento finale dell'indagine conoscitiva sul Ssn, condotta in questi mesi dalle Commissione riunite Bilancio e Affari Sociali della Camera. Obiettivo dell'indagine: scattare una fotografia aggiornata dello stato di salute del nostro sistema sanitario nazionale, al fine di valutare la sua adeguatezza a fornire prestazioni di qualità, informate ai principi di equità e universalità.
"Nel corso dell'indagine - si legge nel documento che, a quanto apprende l'Adnkronos Salute, prima di essere condiviso potrà subire delle modifiche per poi diventare una risoluzione, una mozione o perfino un ddl - è emerso un quadro del sistema sanitario italiano caratterizzato da luci e ombre". Tra gli aspetti negativi, "la preoccupazione che il protrarsi della crisi finanziaria e la conseguente sensibile riduzione dei finanziamenti destinati al Ssn riducano la qualità dei servizi e la loro capacità di rispondere ai bisogni sanitari della popolazione".