Ciak! Medicina

lunedì 22 novembre 2010

Novita in Cardiology a cura di Giacomo Pucci - Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Perugia




Variabilità della pressione arteriosa: l'alba di una nuova rivoluzione copernicana?

Fonte: http://www.sisa.it/




Al giorno d'oggi quasi più nessuno al mondo - a ragione - solleva dubbi sul fatto che elevati valori di pressione arteriosa (PA) siano dannosi per il sistema cardiovascolare. In realtà, poco meno di un secolo fa la visione del fenomeno era letteralmente agli antipodi: il termine "essenziale", adottato per la prima volta nel 1911, descriveva l'elevata pressione di spinta come condizione necessaria per forzare il sangue nelle arterie di piccolo calibro che, nei pazienti con pressione alta, risultavano sclerotiche e con lume ristretto.