Ciak! Medicina

giovedì 10 giugno 2010

Chi mangia in piatti piccoli… dimagrisce!




Sono numerosi gli studiosi che in questi ultimi anni hanno studiato la relazione tra l’ambiente in cui si mangia e il sovrappeso. In particolare, lo scienziato statunitense Brian Wansink nelle sue due ultime ricerche presentate al congresso Experimental Biology 2010 di Anaheim, in California, ha analizzato un concetto semplice e logico: lontano dagli occhi, lontano dallo stomaco. In altre parole, se davvero si vuole che una dieta abbia buone probabilità di riuscita, bisogna ricorrere a piccoli stratagemmi “ambientali”, modificando un po’ la cucina in modo da ridurre la probabilità di mangiare cibi poco salutari o porzioni troppo abbondanti. Seguici e impara con noi i “trucchi” più efficaci. Scegline tre e decidi di metterli in pratica ogni giorno per 30 giorni: al termine potrai perdere fino a tre chili!






• Senza cadere nella mania, prima di afferrare un pezzetto di parmigiano da mezzo etto al buffet dell’happy hour, o qualsiasi altro cibo ipercalorico, visualizza le calorie: più di 200 per 100 g.



• Conta fino a 30 prima di servirti, magari gustando un antipasto a base di finocchi, peperoni e carote: l’ansia si smorza, e l’approccio con il cibo diventa più “gestibile”.



• Nei piatti metti l’80% della tua normale porzione. Quasi non te ne accorgerai, ma risparmierai un quinto di calorie “ingrassanti”.



• Evita di mischiare i cibi, tipo buffet; troppa varietà in tavola raddoppia l’appetito.



• Usa piatti e posate piccoli, le piccole porzioni così ti sembreranno più grosse e il cervello comunicherà prima il senso di sazietà.



• Aumenta il volume dei cibi, ti sazierai prima: riempi, per esempio, i panini di insalata in abbondanza e pochi salumi o formaggi, monta il milk shake con più aria…



• Esercitati a non svuotare sempre il piatto e rifiuta il bis.



• Metti i cibi sani, tipo frutta e verdura a portata di mano e cioccolata, biscotti ecc. in scaffali alti e scomodi da raggiungere.



• Se proprio devi sgranocchiare qualcosa allora scegli cibi che ti facciano lavorare prima d’essere mangiati, come noci da schiacciare lavorare per essere mangiato, tipo noci da sbucciare o altri alimenti da ripulire: ne mangerete di meno.



• Per condire in tavola adopera il dispenser spray (da tenere a casa o in ufficio per condire a spruzzo le porzioni di ortaggi già pronte), magari miscelando olio con aceto e un pizzico di sale marino integrale, 1-2 spruzzi e l’insalata si condisce in modo uniforme.



•Lo sapevi che… un etto di pollo arrosto con la pelle fornisce 300 calorie circa. Un etto dello stesso cibo senza pelle apporta circa 160 calorie. Un cappuccio con 2 cucchiaini di zucchero e 1 brioche fornisce circa 300 calorie circa. Un cappuccio con latte parzialmente scremato, un cucchiaino di zucchero e 1 brioche mignon, circa 180.

da obiettivo benessere tgcom blog network