Ciak! Medicina

domenica 25 aprile 2010

Controindicazioni ai voli di linea

Controindicazioni a voli di linea






In generale tutti coloro che presentano angina o importante dispnea camminando per 50 m o salendo una rampa di scale dovrebbero essere valutati con estrema attenzione. I problemi legati al volo derivano da: a) riduzione della pressione in cabina (in media equivalente ad altezze tra 1500 e 2500 m) b) spazio chiuso senza possibilità di accesso immediato e semplice a soccorsi medici Le principali controindicazioni ai voli di linea sono


Cardiovascolari

 Infarto miocardico nelle 3 settimane precedenti

 Angina instabile

 Procedure di rivascolarizzazione miocardica nelle ultime 2 settimane

 Scompenso cardiaco non stabilizzato

 Aritmie non controllate

Polmonari

 Infezioni polmonari contagiose

 Pressione parziale di ossigeno < 70mmHg a livello del mare senza somministrazione di ossigeno*

 Utilizzo di ossigeno*

 Riacutizzazione di BPCO

 Importanti versamenti pleurici

 Pneumotorace nelle precedenti 3 settimane

Neurologiche

 Eventi cerebrovascolari nelle precedenti 2 settimane

 Crisi epilettiche non controllate

Chirurgiche

 Interventi gastrointestinali, toracici, ORL, neurologici nelle precedenti 2 settimane

Correlate alla gravidanza

 > 35 settimane

 gravidanza con complicazioni

Pediatriche

 prima settimana di vita

Generali

 possibilità di decesso in tempi brevi

 qualsiasi malattia contagiosa

 problemi comportamentali non controllati

Altri

 anemia severa (emoglobina < 8,5 g/dl)

 crisi emolitiche da anemia falciforme

 malattia da decompressione

* è possibile la somministrazione di ossigeno in aereo, ma la compagnia deve essere avvisata in anticipo e debbono essere fornite istruzioni scritte sulle modalità di somministrazione. Il paziente non può portare in aereo erogatori personali di ossigeno.